ceciliadelgatto.it logo
search
pages

ONE AMAZING FORM - Galleria Valeria Lattanzi, Carrara 2019

24-08-2019 14:26

url: permalink

La Galleria Valeria Lattanzi presenta:
ONE AMAZING FORM

Artisti in mostra:
Cecilia Del Gatto
Irene Montini
Fabio Tasso
A cura di Marco Signorini
Dal 31/8 al 5/10 2019
Inaugurazione venerdì 30/8 2019 ore 18.00


La nuova mostra collettiva proposta dalla Galleria Valeria Lattanzi “One amazing form” si inserisce nel Festival con_vivere di Carrara con un titolo che è quasi anagramma di “Formazione”, tema della rassegna di quest’anno. Il gioco di parole esorta la sorpresa e la creatività come risposte all’apprendimento automatico, intendendo creativo ciò che è immaginativo ma consapevole, frutto di esperienze di apprendimento e di crescita quotidiana. É formazione fantastica, sorprendente perché unica, personale, sono idee, punti di vista e di pensiero.

Essere predisposti allo stupore è un atteggiamento alla vita.
 

Irene Montini è autrice di immagini nel mondo professionale della moda, ma sono fotografie oniriche come visioni. Ci mostrano, tramite i soggetti rappresentati, aspetti della stratificata cultura visiva del nostro tempo. 

Fabio Tasso, scultore e insegnante, privilegia invece l’idea del processo, inventa macchinari, agisce fra materia e spazio, pieno e vuoto. Le sue forme sembrano nascere solo dal procedimento ma, così facendo, acquistano un significato primario. 

Cecilia Del Gatto, riflette sulla difficoltà di relazione fra individui nella complessità d’oggi e mette in scena un mondo dal “realismo magico”. Fotografa i suoi personaggi imprigionandoli con un filo colorato e li rende manichini incomunicabili fra loro.


EXIBART
CON-VIVERE FESTIVAL
EVENSI

one_amazing_fform_LOCANDINA.jpgCecilia_Del_Gatto_copia.jpgFabio_Tasso_copia.jpgrt

Catalogo: Ragusa Foto Festival - Rotte di collisione 2018

Schermata_2019_01_08_alle_12.36.04_copia.jpgSchermata_2019_01_08_alle_12.36.22_copia.jpgSchermata_2019_01_08_alle_12.36.37_copia.jpg


Rotte di collisione, (catalogo della rassegna a cura di) Paola Binante, Alessandro Carrer, Javier Marcelo Cabrera, 2018.
- LINK Catalogo: Rotte di collisione

Ragusa Foto Festival - Rotte di collisione 2018

32488057_1662259303860345_9062244972945735680_o.jpg


22 Artisti per 20 Mostre e cinquecento immagini di autore capaci di declinare il tema del 2018: Rotte di collisione.
Gli autori esposti sono stati selezionati per lo sguardo che li contraddistingue, lontano dallo shock e dalla spettacolarizzazione del tema, in favore di un'analisi più lenta e profonda, capace di riflettere sui segni che violenza e conflitti lasciano sulla pelle della terra, dell'individuo e della collettività.
Le mostre sono 20 mostre e sono suddivise in due ideali macro-aree, da un lato quelle degli autori più conosciuti, Laia Abril, Tommaso Bonaventura, Alessandro Imbriaco e Fabio Severo, Pavlos Fysakis, Donata Pizzi, Sandra Vitaljic, le proiezioni dei lavori del Depression Era Collective a cura di Pasqua Vorgia e #SPAZIOFOTOCOPIA a cura Yvonne De Rosa fondatrice di Magazzini Fotografici; dall'altro il percorso espositivo di Territori di Formazione, che comprende i lavori di nove giovani autori italiani selezionati dalle istituzioni italiane di Alta Formazione Artistica - l'ISIA di Urbino e le Accademie di Belle arti di Brera, Bologna, Catania: Veronica Billi, Federico Buzzoni, Elena Coco, Cecilia Del Gatto, Margherita Libuori, Irene Nobile, Valentina Ruggiero, Giovanni Scarantino, Valerio Eliogabalo Torrisi. A queste si aggiungono i progetti espositivi legati al Premio Miglior Portfolio 2017, con il vincitore Giuseppe Iannello, e le tre menzioni speciali per Fabio Itri, Claudio Majorana e Maddalena Migliore.

Il Ragusa Foto Festival è prodotto dall'associazione culturale Antiruggine, in collaborazione con il Comune di Ragusa.
Il Festival è patrocinato dal MIBACT, Ministero beni e attività culturali e Turismo, dall'ARS, Presidenza dell'Assemblea Regionale Siciliana,
dal Libero Consorzio dei Comuni di Ragusa, dalla Camera di Commercio del Sud Est Siciliano e dalla Banca Agricola Popolare di Ragusa.
La direzione artistica del festival è composta da Paola Binante, fotografa e docente presso l'ISIA e l'ABA di Bologna, Alessandro Carrer curatore e docente di Estetica e Visual Studies all'ISIA di Urbino e Javier Marcelo Cabrera, fotografo professionista.
Il festival si avvale anche dell'indirizzo di un comitato scientifico composto da Carmelo Arezzo già segretario generale CamCom di Ragusa,
Aldo Bonomi sociologo e direttore di Aaster, consorzio di ricerca, il noto autore Mario Cresci e Stefania Paxhia giornalista e ricercatrice, ideatrice del Festival.


"Con un ruolo di primo piano nel contesto del Mediterraneo, per secoli la Sicilia è stata perno e centro di traffici, migrazioni e conflitti. E proprio al tema del conflitto il Ragusa Foto Festival sceglie di volgere il proprio sguardo per l’edizione 2018, affrontando la questione della violenza e dello scontro, delle ferite e delle lacerazioni prodotti sul tessuto sociale e culturale, cicatrici e tracce inflitte ad un territorio. L’isola maggiore del Mediterraneo diviene parte per un tutto più grande, luogo d’elezione per raccontare non solo se stessa, ma il mare e i paesi che la circondano, l’Europa e il mondo, il passato e soprattutto il presente. Nella scelta di un tema delicato e scottante, il tentativo del Festival di ricondurlo al campo della fotografia rappresenta un modo per attribuirgli significato rispetto alla contemporaneità, una via per inserirlo in una più ampia analisi della società e della cultura; l’intento è di promuovere un ricordo consapevole, capace di affrontare traumi e rimozioni collettive, per generare nuova memoria, e con essa nuova luce, in direzione di un’unità, un tutto che consideri ricchezza la diversità delle parti che lo compongono.

Gli autori esposti sono stati selezionati per lo sguardo che li contraddistingue, lontano dallo shock e dalla spettacolarizzazione del tema, che tende a degenerare in una pornografica e ripetuta messa in scena, in favore di un’analisi più lenta e profonda, capace di riflettere sui segni che violenza e conflitti lasciano sulla pelle dell’individuo e della collettività. Che il sole della Sicilia non accechi e non bruci le ali di Icaro, ma torni ad essere luce che illumina e disinfetta."

LINK ARTICOLI:
- Ragusa Foto Festival 2018
- INSIDEART
- Giornale Ibleo
- Linkiesta
- ClikMagazine n°51
- Quotidiano.net
- SpreaFotografia
- Arte.it
- Intervallo Ibla
- Lapisnet
- Eco di Sicilia
search
pages
Share
Link
https://www.ceciliadelgatto.it/news-d
CLOSE
loading