ceciliadelgatto.it logo
search
pages

Catalogo: XXV ORA! - Associazione Luna Rosa | Nomos Edizioni

permalink » url

tags » catalogue, catalogo, Nomos, Edizioni, 2018, femminicidio, XXV,

catalogo3.jpgcatalogo2.jpg


XXV ORA! Immagini contro il femminicidio,
(catalogo della mostra a cura di) Martina Corgnati e Paola Di Bello, Nomos Edizioni, Busto Arsizio (VA), 2018.

Lingua: Italiano
Formato: 20x20
Pagine:64
Illustrazioni: Immagini a colori

- LINK Catalogo: XXV ORA!

Ragusa Foto Festival - Rotte di collisione 2018

permalink » url

tags » Ragusa, Ibla, Foto, Festival, 2018, Rotte di Collisione,

32488057_1662259303860345_9062244972945735680_o.jpg


22 Artisti per 20 Mostre e cinquecento immagini di autore capaci di declinare il tema del 2018: Rotte di collisione.
Gli autori esposti sono stati selezionati per lo sguardo che li contraddistingue, lontano dallo shock e dalla spettacolarizzazione del tema, in favore di un'analisi più lenta e profonda, capace di riflettere sui segni che violenza e conflitti lasciano sulla pelle della terra, dell'individuo e della collettività.
Le mostre sono 20 mostre e sono suddivise in due ideali macro-aree, da un lato quelle degli autori più conosciuti, Laia Abril, Tommaso Bonaventura, Alessandro Imbriaco e Fabio Severo, Pavlos Fysakis, Donata Pizzi, Sandra Vitaljic, le proiezioni dei lavori del Depression Era Collective a cura di Pasqua Vorgia e #SPAZIOFOTOCOPIA a cura Yvonne De Rosa fondatrice di Magazzini Fotografici; dall'altro il percorso espositivo di Territori di Formazione, che comprende i lavori di nove giovani autori italiani selezionati dalle istituzioni italiane di Alta Formazione Artistica - l'ISIA di Urbino e le Accademie di Belle arti di Brera, Bologna, Catania: Veronica Billi, Federico Buzzoni, Elena Coco, Cecilia Del Gatto, Margherita Libuori, Irene Nobile, Valentina Ruggiero, Giovanni Scarantino, Valerio Eliogabalo Torrisi. A queste si aggiungono i progetti espositivi legati al Premio Miglior Portfolio 2017, con il vincitore Giuseppe Iannello, e le tre menzioni speciali per Fabio Itri, Claudio Majorana e Maddalena Migliore.

Il Ragusa Foto Festival è prodotto dall'associazione culturale Antiruggine, in collaborazione con il Comune di Ragusa.
Il Festival è patrocinato dal MIBACT, Ministero beni e attività culturali e Turismo, dall'ARS, Presidenza dell'Assemblea Regionale Siciliana,
dal Libero Consorzio dei Comuni di Ragusa, dalla Camera di Commercio del Sud Est Siciliano e dalla Banca Agricola Popolare di Ragusa.
La direzione artistica del festival è composta da Paola Binante, fotografa e docente presso l'ISIA e l'ABA di Bologna, Alessandro Carrer curatore e docente di Estetica e Visual Studies all'ISIA di Urbino e Javier Marcelo Cabrera, fotografo professionista.
Il festival si avvale anche dell'indirizzo di un comitato scientifico composto da Carmelo Arezzo già segretario generale CamCom di Ragusa,
Aldo Bonomi sociologo e direttore di Aaster, consorzio di ricerca, il noto autore Mario Cresci e Stefania Paxhia giornalista e ricercatrice, ideatrice del Festival.


"Con un ruolo di primo piano nel contesto del Mediterraneo, per secoli la Sicilia è stata perno e centro di traffici, migrazioni e conflitti. E proprio al tema del conflitto il Ragusa Foto Festival sceglie di volgere il proprio sguardo per l’edizione 2018, affrontando la questione della violenza e dello scontro, delle ferite e delle lacerazioni prodotti sul tessuto sociale e culturale, cicatrici e tracce inflitte ad un territorio. L’isola maggiore del Mediterraneo diviene parte per un tutto più grande, luogo d’elezione per raccontare non solo se stessa, ma il mare e i paesi che la circondano, l’Europa e il mondo, il passato e soprattutto il presente. Nella scelta di un tema delicato e scottante, il tentativo del Festival di ricondurlo al campo della fotografia rappresenta un modo per attribuirgli significato rispetto alla contemporaneità, una via per inserirlo in una più ampia analisi della società e della cultura; l’intento è di promuovere un ricordo consapevole, capace di affrontare traumi e rimozioni collettive, per generare nuova memoria, e con essa nuova luce, in direzione di un’unità, un tutto che consideri ricchezza la diversità delle parti che lo compongono.

Gli autori esposti sono stati selezionati per lo sguardo che li contraddistingue, lontano dallo shock e dalla spettacolarizzazione del tema, che tende a degenerare in una pornografica e ripetuta messa in scena, in favore di un’analisi più lenta e profonda, capace di riflettere sui segni che violenza e conflitti lasciano sulla pelle dell’individuo e della collettività. Che il sole della Sicilia non accechi e non bruci le ali di Icaro, ma torni ad essere luce che illumina e disinfetta."

LINK ARTICOLI:
- Ragusa Foto Festival 2018
- INSIDEART
- Giornale Ibleo
- Linkiesta
- ClikMagazine n°51
- Quotidiano.net
- SpreaFotografia
- Arte.it
- Intervallo Ibla
- Lapisnet
- Eco di Sicilia

Milan Photo Week | Dei nuovi confini della fotografia - Dintorni di fotografia" | Fabbrica del vapore Lotto15

permalink » url

tags » Milan, photo, week, photography, foto, fabbrica del vapore,

bannerrrr_copia.jpg



MILAN PHOTO WEEK

INAUGURAZIONE
Dei nuovi confini della fotografia – Dintorni di fotografia – Lotto15
FABBRICA DEL VAPORE - LOTTO15

h 19:00

Viafarini e Le Belle Arti/ArtePassante, in collaborazione con Meetup Fotografia Milano, sono lieti di presentare la mostra fotografica Dei nuovi confini della Fotografia. L’esposizione, che vede coinvolti più di 50 partecipanti, suddivisi in 4 macro categorie, intende esplorare e ridefinire i confini in cui ancora spesso gli stili fotografici vengono rin/racchiusi. Il corpus espositivo, a priori senza distinzioni tra amatori e professionisti, è composto da immagini realizzate con qualsiasi medium fotografico e/o tecnica: dal banco ottico, alle scatole a foro stenopeico, dai “momenti personali” ripresi con uno smartphone ai collage creati con un ritrovato album di famiglia. Tutte le forme espressive entreranno a far parte di un mondo di Immagini che saprà trasformarsi, anche grazie alla loro inusuale fruibilità, in singole “emozioni collettive”. La mostra è curata da Massimiliano Monnecchi.

Via Giulio Cesare Procaccini, 4
www.viafarini.org

Mostra aperta dal 4 al 10 Giugno 2018
Orari:
martedì – venerdì 11:00 – 19:00.
sabato – domenica 11:00 – 20:00
Ingresso libero

XXV ORA! - IMMAGINI CONTRO IL FEMMINICIDIO a cura di Martina Corgati e Paola Di Bello

permalink » url

tags » femminicidio, gallery, XXV, mostra,

XXV_ORA__invitodef.jpgIMG_3622.jpg


Il giorno 22 maggio, alle ore 18, nell'ex Chiesa di San Carpoforo (via Marco Formentini, 14)
verrà inaugurata la mostra "XXV ORA!" - Immagini contro il Femminicidio,
promossa dall'Associazione Culturale Luna Rosa in collaborazione con l'Accademia di Belle Arti di Brera e il patrocinio del MIBACT.

La mostra presenta le opere di 21 giovani artisti, studenti dell'Accademia e in particolare dei corsi di fotografia, selezionate fra le opere di coloro che hanno aderito all'invito dell'Associazione di realizzare un lavoro dedicato al drammatico tema del femminicidio, problematica che ha assunto i tratti di una vera e propria tragedia nazionale rispetto alla quale servono maggiore informazione, cultura e capacità di distinguere modelli e comportamenti, allontanando la ricorrente tentazione della rimozione della responsabilità.


L'appello promosso dall'Associazione è stato rivolto a tutti gli studenti, un centinaio dei quali hanno presentato progetti sottoposti all'attenzione di una Commissione composta dai proff. Martina Corgnati, Paola Di Bello, Paolo Rosso, da Mario Cresci, fra i maestri della fotografia italiana più attento e sensibile alle tematiche sociali e documentarie e dalla prof. Federica Turco dell'Università di Torino. Fra tutte le opere proposte questa Commissione ha selezionato i lavori che verranno proposti al pubblico nella mostra in oggetto.
Fra essi, il giorno 22 maggio, una seconda commissione composta da Lorenza Bravetta (MIBACT), Franco Marrocco (direttore dell'Accademia di Brera),
Maurizio Molinari (direttore del quotidiano "La Stampa") e Carmela Sanguedolce, presidente dell'Associazione Luna Rosa, selezioneranno le tre opere vincitrici dei premi acquisto, offerti dalla stessa Associazione.

Le opere e la mostra tutta parlano la lingua dell'arte per rivolgersi alla coscienza civile, alla sensibilità e alla cultura, del pubblico e potenzialmente di tutti, nella convinzione che l'educazione morale, ma anche estetica, possano avere un ruolo importante nel migliorare e rendere più umano il mondo che abitiamo insieme.

Dopo la tappa milanese, la mostra proseguirà per Roma, Firenze e Crotone, dove l'Associazione ha sede.

L’Associazione Culturale “Luna Rosa” promuove, da oltre due anni, la fotografia e le arti visive, in particolare quelle femminili,sostenendo la valorizzazione della fotografia quale vero e proprio bene culturale da tutelare, ed è impegnata ad approfondire tematiche specifiche,inerenti i rapporti fra donna, arte,comunicazione, diritti, sessualità, maternità, lavoro,storia e paesaggio e a rivalutare il contributo femminile nella storia della fotografia e dell'arte contemporanea.

L’Universo femminile costituisce, inoltre, il cuore della collezione fotografica promossa dalla Presidente dell’Associazione, Carmela Sanguedolce,che conta attualmente oltre trecento opere di autrici di primissimo piano, italiane e internazionali. Un impegno a favore della donna nell’arte che Luna Rosa condivide con le principali istituzioni accademiche del Paese,con il sistema scientifico universitario e con le esperienze più innovative dei settori delle produzioni artistiche e dell’industria creativa.

La scelta di dedicare al tema del “Femminicidio” la prima edizione del premio Fotografico Luna Rosa rientra in questa dimensione strategica,volta a favorire una riflessione laica su una vera e propria tragedia nazionale.
"Con l’Accademia delle Belle Arti di Brera" - spiega Carmela Sanguedolce - "abbiamo intrapreso un prezioso rapporto di collaborazione, sfociato nell’istituzione di questo premio riservato agli studenti, a coronamento del loro impegno estetico, etico e civile e del loro esercizio di sensibilità creativa.
Uno stimolo e un omaggio anche per i giovani provenienti da culture e paesi diversi, che hanno consapevolmente scelto di maturare e realizzarsi attraverso la conoscenza, la cultura e l’arte, condividendo con noi, con illustri esponenti del mondo della fotografia e con donne vittime di violenze, momenti di incontro e di confronto".

Prima commissione selezionatrice

Martina Corgnati

Mario Cresci

Paola Di Bello

Roberto Rosso

Federica Turco


Seconda commissione selezionatrice

Carmela Sanguedolce

Maurizio Molinari

Franco Marrocco

Lorenza Bravetta


“XXV ORA!” - Immagini contro il femminicidio

A cura di Martina Corgnati e Paola Di Bello


Organizzato dall’Associazione Culturale Luna Rosa

Con il patrocinio del MiBact e con la collaborazione dell’Accademia di Belle Arti di Brera

EX CHIESA DI SAN CARPOFORO | VIA MARCO FORMENTINI, 14, MILANO
Ingresso libero
Dal 23 maggio al 15 giugno
Lunedì - venerdì 10.00 - 18.15
Sabato 9.00 - 13.30
Domenica chiuso
search
pages
Link
https://www.ceciliadelgatto.it/news-d

Share link on
CLOSE
loading